Alberobello ed i suoi Trulli

Approfittiamo di qualche giorno di ferie e con una nota compagnia low cost atterriamo a Bari, ad attenderci l’auto a noleggio e i nostri amici Ida e Antony che ci faranno da ciceroni. Pernottamento ad Acquaviva delle Fonti in pieno centro storico in un b&b ristrutturato, piccolo e molto accogliente, abbiamo scelto di dormire qui su suggerimento dei nostri amici perché come poi vedrete è un posto strategico per le mete che visiteremo. La mattina successiva partiamo per Alberobello, viaggiamo su strade statati e attraversando paesini arriviamo alla destinazione. Scegliamo un posteggio a pagamento (5€ x tutto il giorno) ma vicinissimo al paese.
Non appena “entriamo” nel paese è come essere in un’altra epoca, è come se il tempo si fosse fermato e i Trulli sono uno scenario assolutamente da vedere, non importa quante volte li abbiate visti e rivisti in tv e in foto, vi assicuro che viverli e passeggiarci in mezzo è qualcosa di unico e magico. Iniziamo con il passare dal rione dove per la maggioranza ci sono negozi di souvenir e artigianato locale, i trulli sono quasi tutti ristrutturati e i negozianti ti invitano con gentilezza (e non con insistenza) a visitarli, certo è ovvio sperando anche in una vendita. E così ci vediamo il trullo più piccolo, quello con il pozzo, quello doppio etc. etc. fino ad arrivare ad un trullo con la terrazza dalla quale si vede tutta la valle. Proseguiamo la nostra passeggiata fino alla chiesa, anch’essa ricavata da un trullo e poi scendiamo in un rione dove non ci sono negozi e molte abitazioni sono chiuse ma comunque suggestive,  magari in attesa di un nuovo proprietario che le riporti all’antico splendore. Si è fatta l’ora di pranzo e dato che abbiamo il parcheggio pagato per tutta la giornata ce la prendiamo comoda e decidiamo di restare a pranzo. Non ci siamo “preparati” e quindi seguiamo l’istinto e dopo aver girato un pò entriamo in un ristorante, scendiamo 5/10 gradini e ci ritroviamo in un posto davvero molto accogliente, sorprendente grande e ben ristrutturato che scopriamo essere stato un dei frantoi più grandi della zona. Il cibo è all’altezza di quello che si dice, mozzarella, olio, salumi, orecchiette tutto è genuino e con sapori decisi ma naturali tanto da farci sentire come a casa! Alberobello non delude ma anzi ci sorprende nel paesaggio e nell’ospitalità delle persone.
Un abbraccio,
Toscani Viaggiatori


Lascia un commento