san pietroburgo

La malinconia di San Pietroburgo

Quello che vi racconterò oggi è più una sensazione che una città. O meglio è la sensazione che mi ha lasciato questa splendida città, San Pietroburgo.

San Pietroburgo: la sua malinconia

Grazie al mio lavoro ho avuto la possibilità di visitare la grande città russa due volte a distanza di sei anni, la prima nell’ottobre del 2011 e la seconda pochi giorni fa, a fine novembre 2017. Quello che mi sono chiesta prima della partenza è se avrei trovato qualcosa di cambiato, soprattutto se quel senso di malinconia che avevo provato nel mio primo soggiorno lo avrei provato nuovamente (alla fine ogni volta che si torna in un luogo visitato anni prima qualche domanda ce la si pone per forza). E devo dire che almeno in questo San Pietroburgo non è cambiata. Le strade, le piazza, i palazzi, tutto di una bellezza indescrivibile, tanto da diventare opprimente, quanto il buio: a fine novembre le ore di luce non sono molte e i nuvoloni grigi che popolano il cielo praticamente sempre non aiutano.
Ma non sono questi colori, che fanno diventare quasi tutto in bianco e nero (e infatti le mie foto sono quasi tutte in b/n), a parte il Palazzo d’Inverno con il suo verde inconfondibile, a donare questo senso di malinconia. E’ più la gente, gli sguardi fissi, imperscrutabili. Quel rigore che ha il sapore del regime che per tanto, troppo tempo ha tenuto questa popolazione incatenata e che oggi si manifesta comunque anche se non “palesemente”.
Detto questo vi dico che amo anche questo aspetto di San Pietroburgo, me l’ha fatta vivere diversamente da ogni altra città del mondo in entrambe le occasioni. E mi ha lasciato ancora una volta la voglia di vederla in estate, quando le notti bianche la rendono luminosa per intere giornate…

san pietroburgo

San Pietroburgo: le sue bellezze

Ma non posso non raccontarvi anche nel dettaglio tutta la meraviglia che vi circonderà se deciderete di soggiornare a San Pietroburgo.

La Prospettiva Nevskij

La prima cosa che dovrete fare è una passeggiata sulla Prospettiva Nevskij. Non è solo la via principale, quella dei negozi, ma è anche un luogo magico per gli amanti delle bellezze architettoniche. Qui per chilometri si susseguono palazzi e chiese di ogni stile, per lo più barocco e neoclassico, guardandovi intorno sarete rapiti da tanta bellezza. Una chicca: il palazzo della Singer, in stile Art Nouveau, che oggi ospita un libreria con caffetteria dove vi consiglio di fermarvi specie se fa freddo 😉

san pietroburgo

I luoghi di culto della città

La bellezza dei luoghi di culto di san Pietroburgo è indescrivibile. Prima di parlarvi delle chiese, vi farò un piccolo accenno sulla moschea: è tra le più grandi d’Europa e fu eretta nel 1913, consacrata poi nel 1921.
Passando alle chiese cristiane, cattoliche e ortodosse, tra le più belle c’è sicuramente la Cattedrale di Sant’Isacco, (ortodossa): salite fino alla sommità della cupola, la vista è uno spettacolo! Un’altra chiesa che non potrete perdervi per nulla al mondo è la Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato: ricorda le cupole colorate della Piazza Rossa di Mosca, uno stile tipicamente russo. All’interno i mosaici d’oro sono una vera opera d’arte. Passeggiando per la Prospettiva Nevskij vi sembrerà di essere catapultati in Italia quando scorgerete la Cattedrale di Kazan il cui colonnato ricorda un mix tra la Basilica di San Pietro (Vaticano), e la Basilica di San Francesco di Paola (Napoli). Degne di nota anche la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, la prima ad essere stata costruita, all’interno dell’omonima fortezza, la chiesa cattolica di Santa Caterina, la Cattedrale della Trinità ed il Monastero di Aleksandr Nevskij.

san pietroburgo
san pietroburgo

I palazzi

Di tutto quello che potrete ammirare sulla Prospettiva Nevskij vi ho già parlato, ma la città offre palazzi meravigliosi in ogni via e piazza. I grandi edifici sono il panorama che avrete davanti in qualunque punto vi troviate di Sn Pietroburgo e sono tutti per lo più ben conservati. Tra quelli che non potrete non vedere durante il vostro soggiorno il Palazzo dell’Ammiragliato, Palazzo Menšikov, Palazzo Mariinskij, il Teatro Marinskij, il Palazzo di Caterina, il Teatro Aleksandrinskij, il Palazzo di Alessandro ed il Kunstkammer. E ancora il maneggio delle guardie a cavallo e l’edificio del Senato e del Sacro Sinodo, qui davanti troverete uno dei simboli della città: la statua di bronzo raffigurante Pietro il Grande.

san pietroburgo
san pietroburgo

I musei

L’arte e la cultura sono il fiore all’occhiello di San Pietroburgo. Non è dunque possibile evitare la visita di alcuni dei suoi musei. Sono davvero tanti e ce ne sono per tutti i gusti: da quelli prettamente d’arte a quelli dedicati ad un personaggio in particolare, anche letterati. Ovviamente non posso non consigliarvi l’Hermitage: qui le opere di inestimabile valore si susseguono tanto da riempire, fin troppo, gli occhi e il cuore. Troverete celeberrime opere di Caravaggio, Canova, Leonardo, Gauguin, Matisse, Picasso, Monet, Renoir, Tiziano, Van Gogh e moltissimi altri. Oggi tutto quello che riguarda gli Impressionisti è stata spostata in una nuova ala del museo. Questo consente di dividere le visite perché vi assicuro che farlo tutto in una volta sarà complicato se vorrete godere a pieno delle bellezze che avrete davanti.
Se avete tempo poi vale la pena una visita anche al Museo Russo, se alcune sale non offrono grandissime opere altre invece sono un concentrato di arte.

san pietroburgo
san pietroburgo
san pietroburgo

San Pietroburgo… in conclusione

La sensazione che ha dato a me San Pietroburgo è di bellezza e malinconia, di un presente ancora troppo passato, ma questo fascino particolare è quello che mi fa amare questa città. Mi dispiace essermi persa le luci di Natale nel massimo splendore, alcune erano già accese, ma le stavano montando proprio nei giorni del mio soggiorno… un motivo per tornarci in inverno, oltre a organizzare un futuro viaggio in primavera/estate per le notti bianche. Mi immagino che non sarà facile abituarsi a tutte quelle ore di luce, come non lo è stato abituarsi a quelle di buio (la scorsa settimana alle 9 del mattino c’era la stessa luce che abbiamo noi alle 5/6).
Infine un consiglio: anche se fosse inverno e quindi molto freddo: fatevi una passeggiata lungo la Neva, specie dalla parte della fortezza ed ammirate l’altra sponda illuminata: uno spettacolo.

san pietroburgo

Un Abbraccio,
Toscani Viaggiatori
Seguici anche su Facebook
Ci puoi trovare anche su LUCCA IN DIRETTA

Potrebbe interessarti anche...


Lascia un commento