Marsa Matrouh

Eccoci qua, rientrati adesso da una settimana a Marsa Matrouh!  Come dov’e? In Egitto!
Eravamo al villaggio Bravo di Almaza Beach. Un villaggio molto bello, pulito, su un mare caraibico e con spiagge bianchissime.
La struttura ha una forma a “E” con le punte verso il mare, ha due ristoranti All Inclusive, tre ristoranti alla carta, un teatro, due zone Piano Bar e negozi di souvenir (tutto tarocco 100%).
Ci sono due enormi piscine mai affollate e sul mare il posto sulla spiaggia è libero, e spesso si trova posto anche nelle prime file (teli mare, sdraio e lettini compresi).
Volendo a pagamento si possono affittare i gazebo sulla riva del mare (60,00€ per un giorno).
Durante il soggiorno propongono alcune escursioni, noi ne abbiamo fatte due: “Giro a Marsa Matrouh” e “L’Oasi di Siwa”.
La prima è un giretto di 4 ore viaggio compreso (40+40minuti di pullman andata/ritorno), si visita la città (la Portofino degli egiziani) che è molto (e quando diciamo molto è molto) caotica!
10mila negozietti che vendono di tutto, ma non sono invasivi come in altre località egiziane più gettonate. Forse perché  Marsa Matrouh è una meta giovane per il turismo internazionale e quindi ancora non sono abituati.
Oltre ai negozi, si visita una chiesa di Cristiani Copto/Ortodossa, la moschea principale della città e le Terme di Cleopatra. Una stanza scavata dentro una enorme pietra quadrata, dentro la quale vi era una vasca che faceva entrare ed uscire l’acqua di mare creando un effetto “idromassaggio”e nella quale era solita recarsi Cleopatra con Marco Antonio.
L’Oasi di Siwa invece è una bellissima escursione, si parte la mattina alle 6 e dopo 4 ore si arriva a Siwa (nel deserto del Sahara a 50km dal confine Libico).
Siwa è un’area importante per l’Egitto,  da qua si esportano: Sale, Datteri, olio, olive e Acqua Minerale.
Qua è possibile visitare Tombe egizie uniche al mondo dove all’interno troviamo affreschi con influenze greche.
Siwa era anche il luogo amato da Alessandro Magno che durante i suoi viaggi si fermava a interrogara l’oracolo di Ammone (ad oggi ne restano le rovine molto belle).
Bellissima (sempre a Siwa) la leggendaria città di Shali, città di argilla e sale che fu mezza distrutta durante una forte pioggia nel 1926.
Tornando alla struttura del Bravo la sera vi consigliamo di andare in teatro a vedere gli spettacoli organizzati dai ragazzi dell’animazione,  capitanata da “un matto” di nome Francesco Pisolo. A ferragosto hanno organizzato uno schiuma parti sulla spiaggia fantastico,  eravamo l’invidia dei due villaggi a fianco.
Per chi ha bimbi hanno un ottimo servizio “Bravo Bimbi” dove gli animatori faranno divertire tutto il giorno i vostri figli.
L’animazione per i “grandi” non è mai invasiva, ma sempre presente, con giochi e attività sportive.
Ottimo anche il servizio Photographer nel villaggio,  consigliatissima la fotografa Federica.
Un’esperienza sicuramente da consigliare per chi cerca relax, ma non gli dispiace anche fare un tuffo nella storia egizio/romana.

Un Abbraccio,
Toscani Viaggiatori
Seguici anche su Facebook
Ci puoi trovare anche su LUCCA IN DIRETTA

Lascia un commento