Una spiaggia fatta solo di conchiglie

Di posti strani ed affascinanti ne avevamo già visti parecchi, vedi la capanna di ciabatte, la “thong shack”

Una spiaggia fatta solo di conchiglie

Ma stavolta ci trovavamo di fronte a qualcosa di bizzarramente bello e originale.
Eravamo entrati nella contea di Shark Bay (patrimonio dell’umanità), che si estende su una lingua di terra lunga oltre 100km al nord del Western Australia. Attrazione turistica numero 1 sicuramente il porticciolo di Monky Mia, che in tutta franchezza, a me non ha suscitato alcuno stupore. Ritengo piuttosto che nella stessa penisola vi siano altri punti sottovalutati e meno inflazionati che conservano una magistrale bellezza. Uno di questi è Hamelin Pool, che con i suoi stromatoliti (formazioni rocciose determinate da batteri formatisi nell’acqua alla temperatura di 50°) crea uno scenario mistico ed intrigante.

 

Una spiaggia fatta solo di conchiglie

Ma quello che ci ha spiazzati è stato il calpestare per la prima volta una spiaggia interamente fatta di conchiglie, uno strato piuttosto corposo che faceva da bianco tappeto a questo immacolato ritaglio di mondo.
Shell Beach esiste da tempi immemorabili, la sua particolare fattezza deriva da una concentrazione maggiore della media di piccole conchiglie (dai 0.3cm ai 3cm) piccole, piccolissime, bianche conchiglie che ricoprivano quello che chissà quanti metri sotto doveva essere un manto di sabbia. Avevamo visto diverse conchiglie (alcune grandi 50cm ad Exmouth) ma queste erano diverse, tutte dello stesso colore e di simile dimensione, che quasi non si notava nemmeno cosa fossero. Sembrava solo un infinito marmoreo telo bianco steso sulla spiaggia.

 

Una spiaggia fatta solo di conchiglie

Il sole batteva persistente, il che dava un tocco di luce a tutto il panorama. Mare piatto, buffi granchi colorati uscivano ed entravano dall’acqua cercando di allontanarsi da noi pur potendo continuare a studiarci.

Interessante scoprire che in passato per costruire alcune piccole strutture della zona fu utilizzata proprio questa pastura fatta di sabbia e conchiglie, il che in maniera del tutto inaspettata si rivelò un autentico tocco d’arte. Il risultato fu vedere costruzioni che riportavano sulla superficie dei mattoni un frammentato bagliore di conchiglie fuoriuscenti, che renderebbero di nobile aspetto anche il più umile dei servizi igienici.

Non credo ad essere sincero che lo avessero previsto, ma a maggior ragione mi piace pensare che a volte quello che si fa con leggerezza possa offrire sfumature di colore e fantasia che neanche i più temerari osavano immaginare.
Applicherò questo principio anche al nostro viaggio d’ora in poi!

 

Una spiaggia fatta solo di conchiglie

Clicca sul link sottostante per vedere il video!

By Francesco&Veronica dalla rubrica
“Questi Qui Siamo Noi”

Un Abbraccio,
Toscani Viaggiatori
Seguici anche su Facebook

Potrebbe interessarti anche...


Lascia un commento