Di città in città: a spasso per l'Umbria (anche in camper)

Di città in città: a spasso per l’Umbria (anche in camper)

Ci sono viaggi che sogni per tutta una vita. Quelli che organizzi con mesi di anticipo, quelli che cogli al volo e quelli che ti trovi a fare così, quasi per caso. Il mio soggiorno in Umbria del marzo 2014 è nato così, per caso. Mi avevano regalato uno di quei magici cofanetti che finiscono per portarti in posti che prima di aver aperto quel libretto non avevi mai preso davvero in considerazione, stava quasi per scadere e volevo assolutamente sfruttarlo. E così sfogliavo pagina per pagina in cerca di un posto adatto al mio stato, ero incinta di qualche mese e diciamo che non tutto era propriamente consono. Ad un certo punto appare Spoleto, città che conoscevo per il suo Festival dei Due Mondi e per essere il nuovo set della serie televisiva Don Matteo, ma dove non ero mai stata. La scelta era fatta, saremmo partiti alla volta di Spoleto e dei suoi dintorni. Una scelta che si è rivelata davvero azzeccata: il nostro si è trasformato in pochissimo in un itinerario alla scoperta di posti dove bellezza e tradizione la fanno ancora da padrone. read more

Castello Brunico

Brunico e dintorni: un luogo da scoprire tutto l’anno

Brunico è uno di quei posti dove torno sempre volentieri. Uno di quei posti che con il tempo è diventato “del cuore”. Ho perso il conto delle volte che ci sono stata, e di questo devo ringraziare la mia passione calcistica. Ma in realtà non l’ho scoperta così, ma grazie ad una settimana bianca con le amiche non organizzata da me, insomma l’ho scoperta per caso e non l’ho più lasciata.

Brunico d’inverno e d’estate

Quello che amo di questa piccola città della Val Pusteria è che riesce ad essere bellissima sia d’inverno che d’estate.
Come vi ho detto la prima volta che la vita mi ci ha portata è stata in occasione di una settimana bianca nel periodo natalizio. Arrivai il 26 dicembre e il corso principale, Graben Bastioni, era teatro di uno dei mercatini di Natale più belli che abbia visto. Tante piccole casette di legno illuminate (ovviamente nelle prime ore del pomeriggio il sole cala lasciando spazio ad una notte anticipata piena di fascino) da cui emanava il profumo del vin brulè e dove era possibile trovare i prodotti tipici, enogastronomici e non. Faceva freddo, lo ricordo, ma ricordo anche che non lo sentivo pungente come in altre località e soprattutto ricordo che una buona cioccolata calda ed un fetta di strudel (di cui vi parlerò tra poco) erano un vero toccasana.
Ma Brunico è splendida anche d’estate. Il caldo lo si sente fino ad un certo punto, anche se la crema solare è d’obbligo perché il sole picchia parecchio. Con le lunghe giornate è possibile godersi la città con la luce fino a sera. Un giro tra i negozi di via Centrale, alla quale potrete acceder da uno dei varchi di Graben Bastioni, è d’obbligo. Troverete le grandi catene mescolate ad attività locali di vecchia data. Vi sentirete rilassati e felici, non per niente Brunico è stata eletta “Città più felice d’Italia” nel 2014 e 2015 (per me lo è sempre). read more

Copenaghen in 2 giorni

Copenaghen in 2 giorni

Salve Viaggiatori, oggi ci hanno scritto Nico e Chiara del blog WISHES ON THE ROAD

Copenaghen in 2 giorni

…raccontandoci il loro meraviglioso viaggio nella bellissima Copenaghen:

La capitale danese è davvero ottima per un city break e anche se il poco tempo potrebbe scoraggiarvi non preoccupatevi, Copenaghen in due giorni si può fare eccome; si riescono infatti a visitare tutte le attrazioni principali comodamente a piedi senza alcuna fretta. Noi abbiamo prenotato con circa due mesi di anticipo sia il volo che la casa su Airb&b e, nel complesso, siamo riusciti a non spendere cifre esagerate, tenendo conto che la città è davvero molto cara. read more

Polinesia Francese

Polinesia Francese, un sogno diventato realtà

Salve Viaggiatori, prima di raccontarvi il mio viaggio in Polinesia Francese devo fare una premessa. Probabilmente imparerete con il tempo, attraverso i miei “diari di viaggio” a conoscermi, ma ora non sapete molto di me. Ecco io non sono tipo da spiaggia. Ho sempre pensato che le ore spese sdraiata sulla sabbia (o sul lettino) siano praticamente ore perse. E con questo non voglio giudicare chi invece ama questo tipo di viaggio, è solo un gusto puramente personale.

Detto questo vi chiederete come mai sono finita in Polinesia Francese… Ci sono finita in viaggio di nozze. Mio marito è l’opposto di me, lui il relax lo concepisce solo sotto il solleone, e il viaggio di nozze doveva necessariamente accontentare entrambi (mi sembra giusto). Qualcuno doveva cedere e allora io, spirito gentile, dissi:”se vuoi andare al mare va bene (io avrei fatto la Route 66 in cabrio) ma il mare lo scelgo io senza se e senza ma!”, lo so sono un po’ dispotica 😉
Non ebbe il coraggio di dire di no e allora… Polinesia Francese. Avevo visto le foto di una mia amica che alcuni anni prima aveva fatto la stessa scelta di luna di miele ed ero rimasta affascinata da quei colori, che ho scoperto ancora più incantevoli dal vivo. read more

Isola di Zante

Isola di Zante

Salve Viaggiatori, oggi siamo con con Alessandro che ci porta nell’Isola di Zante.

Isola di Zante

La più meridionale delle isole greche nello Ionio. Belle spiagge e famosa per la presenza delle tartarughe Caretta Caretta. Ottima cucina, gentilezza, cordialità e prezzi veramente contenuti. Facilmente accessibile dal porto di Killini in cerca un’ora e mezza.

 

 

Un grazie speciale come sempre al nostro viaggiatore Alessandro.

Un Abbraccio,
Toscani Viaggiatori
Seguici anche su Facebook
Ci puoi trovare anche su LUCCA IN DIRETTA read more

Madrid

Madrid

Salve Viaggiatori, torniamo con Alessandro che questa volta ci porta a fare un breve soggiorno a Madrid di ritorno da un viaggio in Portogallo. Bellissima capitale spagnola, elegante metropoli, ordinata, pulita, urbanisticamente perfetta con una viabilità eccezionale, non ancora così sfruttata turisticamente come altri capitali Europee quali Parigi, Londra, Vienna, ed altre.

Un Abbraccio,
Toscani Viaggiatori
Seguici anche su Facebook
Ci puoi trovare anche su LUCCA IN DIRETTA

Brno, capitale della Moravia, ex Brunn dell'Impero Asburgico

Brno, capitale della Moravia, ex Brunn dell’Impero Asburgico

Salve Viaggiatori, torniamo con Alessandro che questa volta ci porta a fare una visita a Brno, capitale della Moravia, ex Brunn dell’Impero Asburgico. Una sosta di un giorno e mezzo durante un viaggio verso la Polonia. Città forse poco conosciuta se non dagli appassionati di Formula Uno (Circuito di Brno), con un piccolo ma interessante centro storico ed una famosa fortezza: lo Spilberg o Spilberk come lo chiamano gli Austriaci, famosa per le sue prigioni dove Silvio Pellico scrisse il suo famoso libro “Le mie Prigioni”. read more

PER UN REGALO SPECIALE: UNA GIORNATA A VILLA CRESPI

PER UN REGALO SPECIALE: UNA GIORNATA A VILLA CRESPI

Salve Viaggiatori, mancano ormai pochi giorni a Natale ed il problema è quanto mai attuale: quali regali fare?

Ovviamente non credo che saremo i soli ad avere questo problemino quindi, bando agli indugi, è ora di iniziare a pensarci! Ho dunque voluto darvi un piccolo spunto raccontandovi di una sorpresa che mi è stata fatta e che magari potrebbe tornare utile come dono per una persona speciale.

Premessa: questo potrebbe essere il regalo perfetto per qualcuno appassionato di programmi di cucina (come me!). read more

ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO

ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO

Salve viaggiatori, continuiamo a girare per le Hawaii con Francesca.

Sull’Isola di Maui si trova una delle strade che andrebbero percorse almeno una volta nella vita: quella che costeggia la parte est dell’isola. Difficile, probabilmente impossibile descrivere le emozioni che si provano percorrendo i suoi 85 Km caratterizzati da una moltitudine di colori, da una varietà di panorami, dalla sensazione quanto mai viva di trovarsi in uno dei Paradisi terrestri.
Da percorrere con i finestrini (e se possibile anche il tettuccio) della macchina aperti perché sarebbe un peccato immane perdersi il costante profumo di fiori che ci accompagna per tutto il viaggio; con gli occhi spalancati per poter assaporare ogni curva, ogni angolo del percorso; con la macchina fotografica costantemente pronta a scattare perché non si può non voler immortalare ogni singolo dettaglio; ma soprattutto con la consapevolezza che nessuna foto e nessun racconto potranno mai trasmettere la bellezza di quei posti.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
85 Km, 617 curve circa 60 piccoli ponti ad un’unica corsia: ecco cosa vi aspetta.
Cascate che si gettano in laghetti incontaminati, foreste di bambù, alberi colorati, scogliere a picco sul mare: ecco cosa troverete.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
La strada inizia a Kahului, da qui si imbocca la HWY 36 ed inizia l’avventura!
La strada è punteggiata dai segnali con il numero delle miglia e questo è fondamentale per cercare di non perdersi nulla.
Una piccola serie di piccoli consigli prima di iniziare il viaggio:
sebbene siano “solo” 85 Km, le deviazioni, le escursioni e le passeggiate, sono numerose per cui considerate di dedicare un’intera giornata a questa strada (anche perché, a meno che non ci si fermi ad Hana a dormire, poi bisogna anche tornare indietro e dopo il tramonto la velocità di transito diminuisce ulteriormente);
sebbene molte guide la descrivano come una strada pericolosa, non lo è affatto: è completamente asfaltata, i ponti ad un’unica corsia ci sono ma sono sempre preceduti da segnali e da uno spazio per fermarsi in caso si incontri un’altra macchina. Insomma a parte un po’ di prudenza non richiede assolutamente nessuna accortezza particolare;
purtroppo alcuni dei punti di interesse non hanno nessuna possibilità di parcheggiare la macchina per cui non si può fare altro che rallentare un po’, godersi il paesaggio e scattare una foto. Tenete la macchina fotografica costantemente accesa e pronta allo scatto: non ve ne pentirete!
Innumerevoli banchetti di frutta fresca costeggiano la strada: fermatevi ad almeno uno e gustatevi una papaya da sogno ma soprattutto la loro fantastica “banana bread” fatta in casa!
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Ed ora bando agli indugi: let’s go!
Noi siamo partiti da Paia: qui si trova l’ultimo distributore prima di Hana, fate benzina!
Appena fuori Paia troviamo Hookipa Beach: qui troviamo il surf ai massimi livelli (da novembre ad aprile). Dal Hookipa Lookout è possibile ammirare i surfisti all’opera.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Dopo pochi minuti (appena dopo il mm 2) si raggiunge la proprietà privata da cui è possibile accedere alle Twin Falls: l’accesso è segnato da un chioschetto di frutta e frullati.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Qui ci sono due parcheggi di medie dimensioni. Poco dopo l’ingresso la strada si biforca: entrambi i sentieri portano ad una delle due cascate. Per vedere bene le seconde bisogna salire su massi un po’ scivolosi ma nulla di faticoso.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Circa 1 Km dopo il mm 6 incontrerete una serie decisamente lunga di auto parcheggiate lungo la strada e nessun apparente sentiero anche perché la strada è fiancheggiata da una fitta vegetazione. Noi abbiamo parcheggiato e poi ci siamo chiesti “Ed ora?”. Per nostra fortuna subito dopo abbiamo visto sbucare dalla vegetazione un gruppetto di persone, abbiamo guardato meglio e, in effetti, c’era un piccolo varco tra la vegetazione da cui partiva un sentiero estremamente ripido che si inoltrava nella foresta. Fatti pochi metri abbiamo finalmente capito dove eravamo finiti: in una meravigliosa foresta di bambù. Qui non ci sono sentieri segnati, ogni tanto incontri qualcuno che arrancando ti chiede se continuando a salire si raggiunge la strada principale proprio perché una volta entrati si perde un po’ l’orientamento.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Proseguendo verso il basso si incontrano ponticelli, cascate ed un fiume da guadare.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Ma quello che ci più ci ha colpiti è stato rimanere fermi ed in silenzio tra questi altissimi bambù: il vento che passa crea un suono molto simile ad una musica.
(Consiglio: qui sono fondamentali le scarpe da ginnastica!).
Dopo un’oretta (forse anche un po’ di più) siamo riemersi sulla strada principale ovviamente abbastanza distanti dal punto in cui eravamo scesi.
Circa 1 Km dopo il mm 6 si trovano i Painted Trees: sono gli eucalipti arcobaleno dal fusto colorato. Purtroppo qui non c’è parcheggio per cui si rallenta per scattare le fotografie e si prosegue.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Circa 1 Km dopo il mm 9: Waikamoi Forest e Waikamoi Nature Trail: sentiero ad anello che porta ad un belvedere da cui si domina la valle (sentiero semplice e breve).
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Poco prima del mm 10: Waikamoi Falls: 2 cascate gemelle (le seconde sono le più grandi)
Tra il mm 10 ed il mm 11 si trova il Garden of Eden un giardino botanico carino.
Al mm 11: Lower Puohokamoa Falls e Upper Puohokamoa Falls: raggiungibili con una breve camminata.
Circa 1 Km dopo il mm 11: Haipua’ena Falls. Purtroppo il parcheggio qui scarseggia ma queste cascate devono essere viste. Le prime si raggiungono facilmente. Per arrivare alla seconda, invece, è necessario percorrere un sentiero abbastanza impervio e scivoloso e poi guadare il fiume scavalcando grossi massi (ammetto che è stato decisamente divertente!).
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Lungo la strada si incontrano diversi giardini botanici che noi abbiamo saltato per mancanza di tempo.
Tra il mm12 ed il mm13: Honomanu Lookout. Dall’ampio parcheggio si ha una bella vista della Ke’anae Peninsula. La miglior visuale della baia, però, la si ha dal Kaumahina Wayside Park.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Tra il mm 16 ed il mm 17: Keanae Arboretum. Un parco di 6 acri in cui crescono ibisco, papaya, zenzero, banane. Anche qui la star del luogo è, però, l’eucalipto arcobaleno.
Tra il mm 17 ed il mm 18 un cartello arcobaleno indica “Halfway to Hana”.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Prima del mm 19: Wailua Valley State Wayside con il Valley Lookout, un punto di osservazione spettacolare sulla valle.
Tra il mm 19 ed il mm 20: Upper Waikani Falls (il parcheggio è circa 200 mt dopo). Un facile sentiero porta ad una serie di cascate che si gettano in un laghetto.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Tra il mm 22 ed il mm 23: Puaa Kaa State Waiside, oltre il parcheggio si possono vedere le Puaa Kaa Falls.
Appena dopo il mm 24: Upper Hanawi Falls.
Tra il mm 28 ed il mm 29: Nahiku Market Place, una serie di bancarelle e chioschi in cui mangiare.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Poco prima del mm 32: Wai’anapanapa State Park (in hawaiano significa “Acque Scintillanti”) situato alla fine di Wai’anapanapa Road, offre alcuni dei luoghi più singolari mai visti. Si tratta di un parco che porta ad una spiaggia di sabbia nera.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
In netto contrasto, le pozze di marea qui al Wai’anapanapa State Park diventano rosse diverse volte l’anno. Gli scienziati spiegano il fenomeno con l’arrivo di piccoli gamberi, tuttavia la leggenda narra che sia il sangue di Popoaleae, una principessa che venne uccisa in una vicina grotta da suo marito, il capo Kaakea.
Da qui una deviazione porta a:
Hana Lava Tube At Kaeleku Caverns (subito dopo il mm 31, 205 Ulaino Road): si attraversa una folta vegetazione e si imboccano le scale che scendono sottoterra per entrare nel tunnel di lava più lungo ed accessibile di Maui.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Si tratta di un lunghissimo corridoi buoi (all’ingresso forniscono le torce, assolutamente indispensabili) fatto di stalattiti e stalagmiti di lava.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO
Kahanu Garden (650 Ulaino Road) un parco in cui si trova il più antico tempio hawaiano (di cui in tutta onestà non rimane altro che il muro), una struttura di 5 piani risalente al 14° secolo.
ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO ROAD TO HANA: UNA STRADA CHE VALE IL VIAGGIO read more

MERCATINI IN ALSAZIA: UN TUFFO NEL NATALE

MERCATINI IN ALSAZIA: UN TUFFO NEL NATALE

Salve Viaggiatori, siamo a tema MERCATINI Natalizi e Francesca oggi ci racconta un bel posto da visitare.

L’ Alsazia è una Regione storica della Francia compresa fra le pendici dei monti Vosgi a Ovest e il corso del fiume Reno a Est, compresa nei dipartimenti Haut-Rhin e Bas-Rhin. È una grande pianura alluvionale sui cui pendii si trovano i famosi vigneti (che forniscono vini pregiati). Si tratta di una Regione di grande fascino da scoprire in ogni stagione ma, probabilmente, nel periodo natalizio dà il meglio di sé, con i paesini addobbati a festa, le luci scintillanti delle case e il dolce profumo di cannella e di spezie: insomma un’atmosfera veramente magica. La tradizione dei Mercatini di Natale in Alsazia, infatti, è molto antica, iniziata nelle grandi città e da lì diffusasi nelle campagne. Sembra proprio che l’origine dei Mercatini di Natale sia proprio da ricercarsi in Alsazia e più precisamente a Strasburgo. read more